QUALE TIPO DI LEGNO SCEGLIERE PER I MOBILI

scegliere-il-legno

Qual è il miglior legno per l’arredamento?

I mobili in legno hanno un fascino intramontabile e si adattano ad ogni tipo di stile, sicuramente in casa avrai un pezzo dell’arredamento in legno. Se stai pensando di allargare il mobilio, Sassi Mobili ti aspetta in showroom per mostrarti la soluzione ideale, nel frattempo buona lettura con questa guida!

Sassi Mobili nacque come falegnameria oltre 50 anni fa: il legno è nel nostro dna e mettiamo a disposizione esperienza e know how per consigliarvi e indirizzarvi verso la migliore opzione. Ci sono diverse tipologie di legno tra cui scegliere, ognuno dei quali ha stile e qualità ben distinte. Il legno è un materiale versatile da sempre impiegato nella produzione di arredamento poichè è molto resistente, necessita di poca manutenzione e può avere moltissime vite grazie al rinnovamento delle finiture. Altri motivi per sceglierlo? La sua bellezza naturale ci fa sentire bene ed offre un eccellente rapporto qualità-prezzo.

Nell’arredamento di casa il legno trionfa in tutte le sue lavorazioni ed essenze: è utilizzato per tutti i tipi di mobili e di strutture di arredo, per i pavimenti e talvolta anche per gli accessori.
Da dove derivano questi prodotti? Quali alberi sono più utilizzati?

LEGNO DURO O LEGNO DOLCE?

Possiamo suddividere le essenze (ovvero gli alberi dai quali provengono) in base alla resistenza meccanica: legni duri e legni dolci.

Differenze

In verità, il legno massello non è più resistente e più denso in confronto al legno dolce. Entrambi i tipi di legno vengono usati praticamente per tutto, dalla realizzazione di strutture a scopi più meramente decorativi. In natura, il legno massello deriva da alberi a fioritura, il legno dolce invece dalle conifere. Conoscere la durezza dei tipi di legno è fondamentale per capire se l’essenza che abbiamo scelto è adatta ad un certo tipo di lavorazione. La durezza del legno viene misurata vedendo il tipo di impronta lasciata da una sfera (sottoposta a una specifica pressione) sulla superficie del legno.

Caratteristiche legno duro/massello

Rispetto al legno dolce, il legno duro cresce più lentamente, per cui tende ad essere anche più caro. È più durevole (meno possibilità di marcire e di rovinarsi), è a grana stretta e richiede poca manutenzione. Essendo un legno con poca resina ha una buona resistenza al fuoco e viene sovente utilizzato per le pavimentazioni in legno massiccio, che sono apprezzate per le loro varie colorazioni naturali, stili e disegno dei vasi. Sebbene il legno duro sia usato per costruire mobili, non tutti i legni duri sono ideali per questo scopo ed essendo costosi sono utilizzati per costruire arredi di lusso.

Caratteristiche legno dolce/tenero

Legni di questo tipo sono più semplici tagliarli grazie alla loro struttura, alta e dritta, che permette di ricavare agevolmente tavole di legno lineari. Grazie all’assenza di vasi, il legno dolce è chiamato anche legno non poroso e ciò consente di assorbire rapidamente i collanti permettendo migliori finiture. Inoltre, ha una bassa resistenza al fuoco data dall’alta presenza di resina, un colore più chiaro e una struttura fine e leggera che lo rende il legno migliore alla realizzazione di mobili, infatti l’80% del legname proviene da legni dolci. Sono legni teneri l’abete, la betulla, il larice, il pino, il pioppo, il cedro.

TIPOLOGIE DI LEGNO SECONDO L’ALBERO DI PROVENIENZA

Quando selezioniamo il tipo di legno per i mobili, teniamo conto dello spazio in cui vorrai inserirlo, del costo, della durevolezza e del colore per trovare la risposta giusta per la Vostra esigenza. Le tipologie di legno per l’arredamento si possono classificare a seconda dell’albero da cui provengono che vengono chiamate “essenze”.

  • PINO (legno dolce)
    Il pino è economico, leggero ed è facile da lavorare. È usatissimo per la produzione di mobili in stile rustico, ma va soggetto a graffi e ammaccature. Insieme alla betulla è spesso chiamato “legno bianco” per il suo colore chiarissimo. Varietà utilizzate: pino di Paranà, pino bianco orientale, pino Lodgepole, pino silvestre
  • ABETE (legno dolce)
    Abete rosso e abete bianco si possono piallare, tornire e modellare facilmente. Inoltre, sono legnami che reggono molto bene l’inchiodatura e l’avvitatura ma è poco resistente al deterioramento. L’abete è un legno poco soggetto al restringimento e dalla ragionevole stabilità, forte ed elastico però a causa del suo alto contenuto di resina converrà pensare ad una mano di vernice.
  • MOGANO (legno duro)
    Il mogano è un legno molto apprezzato per il suo colore, la sua durevolezza e la sua bellezza ed è fra i legni duri tropicali più popolari. Col tempo, il colore del legno diventa più scuro. È un legname comunemente scelto per l’arredamento di fascia alta oltre che falegnameria di interni, porte esterne, finestre e profili.
  • NOCE (legno duro)
    Il noce, dalla tonalità calda e una grana inconfondibile, è in grado di dare un tocco di lusso a qualsiasi stanza. Seppur sia un legno tra i più pregiato e costoso, il noce nazionale e il noce di canaletto sono tra i tipi di legno più usati. Le venature creano motivi estetici che ne accrescono il valore e si presta bene ad essere complessamente lavorato e inciso. Altre caratteristiche sono la ricca colorazione, la stabilità dimensionale, la resistenza agli urti e la sua robustezza. Viene usato con successo per produrre testiere, tavoli da pranzo e mensole.
  • BETULLA (legno duro)
    sebbene sia strettamente imparentato con il legno di quercia, quello di betulla è molto più duro. Il compensato di betulla è probabilmente quello più diffusamente usato, perché è economico, solido, duro e si trova facilmente. Adatto a tutte le finiture, si presta per armadi, arredamento e porte per interni.
  • ACERO (legno duro)
    L’acero è un legno resistente alle spaccature, durevole e robusto. Per pulirlo basta passare un panno umido, per questo motivo è particolarmente adatto alla fabbricazione di arredamento per cucine. Se opportunamente trattato, assume l’aspetto di un legno di lusso. L’acero è tra i legni più duri, quindi consigliatissimo da usare per fare oggetti di uso pesante, come cassettiere e armadi da cucina.
  • ROVERE (legno duro)
    Il legno di rovere veniva adoperato raramente per i mobili perché duro da lavorare, è resistente all’incurvatura ma una volta finito ha uno stile distinto. Attualmente è impiegato nella produzione di scale, gradini e portoni esterni tendenzialmente pregiati. Il rovere bianco è un legno bello, pesante e durevole, spesso usato per armadi e mobili da cucina.
  • CILIEGIO (legno duro)
    È molto usato e apprezzato dai produttori di arredamento per il suo colore ricco, per la grana liscia e la flessibilità: risponde bene al trattamento a vapore, cosa che lo rende il legno ideale per le lavorazioni curve. Il legno di ciliegio dura a lungo ed è molto resistente alle abrasioni e al deterioramento e c’è chi lo preferisce essiccato avendo una tonalità di color rosso simile al mogano, oppure al naturale. Questo legno è probabilmente il migliore per l’arredamento di interni, come ad esempio tavoli e sedie intagliati. Usi più comuni: armadiature, pavimentazioni, falegnameria d’interni.
  • FAGGIO (legno duro)
    Il faggio è parecchio durevole e resistente agli urti e alle abrasioni, pertanto i falegnami lo lavorano volentieri, anche visto il fatto che si piega bene a vapore facilmente almeno quanto il frassino. Per la sua flessibilità, attualmente si sposa molto bene per taglieri e spianatoie ma viene anche adoperato nei mobili per conferire all’arredamento un aspetto elegante e antiquato.

l legno è un materiale nobile, forte e rafforza il legame con la terra e la natura. Tenerlo in casa, nei mobili e nelle strutture, ci permette di assaporare il calore e di ammirare colori e venature delle nostre origini. Per questo continua ancora oggi a essere presente in casa come scelta di stile e di carattere, di gusto e di estetica, oltre che di funzionalità e soprattutto resistenza. Un mobile in legno durerà per anni, un mobile in legno di Sassi Mobili racconterà la storia della famiglia per secoli.

Related Posts